L’ “anello”di San Valentino

Non è che mi importi o mi sia mai importato il festeggiamento del giorno degli innamorati. Ma in questi tempi di minor svago c’è più attenzione ai particolari e si recupera la voglia di dar un po’ di brio ai nostri giorni.

Ebbene quest’anno, il 14 febbraio -San Valentino- la ricorrenza della festa degli innamorati è caduta in un giorno in cui sono andata a fare una bella camminata con mio marito. Questo giro lo abbiamo programmato velocemente solo perchè eravamo liberi da altri impegni.

Però è amore apprezzare di non essere soli!

L’aria è frizzante appena scesi dall’auto: è da amare questo freddo, come è da amare l’avere un berretto e una sciarpa per proteggersi da lui quando diventa fastidioso!

Non conosciamo bene i percorsi: è amore il poterli scoprire, l’avventura e non la paura di aprire gli occhi su nuovi passi, su nuovi sforzi!

Amare le case abbandonate perchè una volta sono state indispensabili, amare quelle recuperate dove la vita torna a governarle, amare la casa di sconosciuti che forse non l’hanno mai amata, amare i muri instabili per la loro pietosa inutilità…

Amare il sole che mi fa togliere berretto e sciarpa, amarlo è facile oggi che l’aria è fresca!

Un uomo lavora la terra e ci indica la strada: è un regalo averlo incontrato e un regalo avere una strada da percorrere. Amiamo ogni sorta di regalo inaspettato.

Gli occhi ci regalano visioni che allungano lo spazio e confondono il tempo.

Amiamo la fatica che ci costa questo spettacolo, amiamo la debolezza che ci costringe a far prezioso questo dono.

————————

Galleria di foto del nostro “anello”di San Valentino:

Video Relive che ci ha seguito nel nostro anello del Giro sulla “Culmen” a San Valentino 

 —————————

Scritto, documentato e pubblicato da

Maria Valenti/Alicemate  ^_^

Giretto al sole da sola

Fosso a Morbegno

Tutti impegnati, sono sola e ho voglia di fare un giretto al sole, ma in particolare ho voglia di tornare sul caldo sentiero che ho fatto alcuni giorni fa, in discesa da Cermeledo-Dosso a Campovico-Sassello. Ieri è piovuto quindi è meglio farlo in salita perché è abbastanza ripido e con molti gradini in sasso, forse troverò acqua…

Quindi, con auto fino al Ponte di Ganda per recuperare un po’di tempo, anzi non trovando più parcheggio mi fermo al fosso.

Spedita, perchè si è fatto un po’ tardi e i pomerggi sono ancora brevi, raggiungo Campovico guardando la ripida montagna sopra alla Centrale… vedo un ruscello saltare sulle rocce e lo riconosco come quello che si attraversa sui sassi nel sentiero da Cermeledo verso San Bello, vedo i ruderi delle tre case, da cui spunta l’unica ristrutturata, e riconosco il passaggio di pochi giorni fa. Oggi tornerò a camminare sui loro larghi gradini.

Dopo un chilometro e mezzo, ecco la fontana, salgo nel bosco, abbasso la mascherina e respiro! Raggiunti i ruderi mi devo togliere la giacca, fotografo la vegetazione che mi aveva colpito già nel precedente passaggio: eriche arboree, erba dorada (Asplenio), piante grasse (Semprevivo dei tetti)… non sempre l’app mi dà risposte convincenti, ma certo anche lei faticherà con questa “selvatichezza”. Mi tolgo anche la felpa e resto in maglietta, i gradini sono tanti e si sta bene leggeri! Qualche foto alle scale e al paesaggio come se non dovessi più tornare, ma anche se tornassi in primavera sarebbe tutto diverso, fiorito, e se tornassi solo in estate? No troppo caldo, in autunno sì, ma forse non sarà più possibile. Quindi mi faccio una foto ricordo di me che cammino, di me che sono soddisfatta. Non c’è nessuno… ed eccomi arrivata all’incrocio col sentiero per San Bello, sì quello dove si attraversa il ruscello. È presto quindi non torno subito indietro, decido di fare qualche giretto in libertà: eccomi alla Chiesa di Cermeledo dove torno bambina e scopro “le differenze” di oggi con i ricordi di allora. Le cappellette proprio non c’erano, le fotografo e la chiesa quella sì con il suo piccolo e caldo sagrato. Mi sono dovuta rimettere la giaccchetta però, qui sul dosso c’è un po’ d’aria e non siamo in estate!
Adesso vado a Selvapiana perchè vorrei capire dove porta il sentiero che ho visto sotto alla chiesetta, magari trovo qualche altro buon passaggio. Sono spedita, almeno così mi sembra, mi sento bene, qualcuno lavora all’agriturismo, due ciclisti mi superano, scendo alla chiesa, sul piccolo sagrato è parcheggiato un camioncino di operai, mi immetto nel sentiero e incrocio subito un ragazzo a cui chiedo informazioni: accidenti è solo un sentiero fra le case, procedo verso Acquamarcia, e poi decido di scendere verso Marsellenico, da qui sicuramente ci sarà una stradetta che evita di andare a Santa Croce! Eccomi nella piazzetta con una fontana, tutto disabitato ma ordinato questo nucleo di case a me sconosciuto, scendo e cerco possibili sentieri, un bosco c’è e pare che la strada sia appena sotto… ma non vedo nessuna traccia di possibili passaggi, mi rassegno e torno di nuovo sulla strada per Santa Croce! Ah, ho visto una chiesetta trasformata in abitazione, non so se mi piaccia o no, so che in altri posti si fanno queste trasformazioni, nei nostri paesini è insolito.

Il sole sta scendendo, c’è una bella vista e scatto foto alle Orobie! Ancora? Sì è vero ne ho già di Morbegno da questo punto di vista, e di Talamona anche, e delle cime sopra anche, chissà perchè faccio tante foto!

Perfino la ripida discesa da Santa Croce mi sembra meno impegnativa del solito, quando si fanno le cose molte volte diventano più facili, poi smetterò anche di fare foto e sarò più veloce e leggera?

Fermo la ripresa del GPS, salgo in macchina e mi accorgo che il video non mi ha chiuso il percorso. Boh! Lo chiuderò io sulla cartina.

 

Video relive Giretto al sole  di cui ho raccontato sopra (di lunedì 8 febbraio)

Video relive precedente in cui sono scesa dallo stesso sentiero a scale: Campovico-Cermeledo  (del 5 febbraio)

Foto del pomeriggio al sole:

 —————————

Aggiungo la camminata del 26 febbraio 2021, salendo dallo stesso sentiero, ma con mio figlio. Dura la scala al suo passo. Sempre bella però: tantissime violette sulla salita.

Nella ripida discesa da San Bello a Morbegno tante Vitalbe, affascinante arbusto lianoso infestante coperto in questo periodo di numerose palle di lanugine.

Cerco su internet  “la lanugine è formata dall’intreccio degli stili, cioè ogni seme ha attaccata questa coda piumosa, che ha lo scopo di facilitare la diffusione.

 

Scritto, documentato e pubblicato da

Maria Valenti/Alicemate  ^_^

A piedi da Morbegno a Chempo

– Come una volta: da un paese all’altro, da una casa all’altra, a piedi, utilizzando sentieri e mulattiere. Certo ci vuole un po’ più di tempo e di energia personale, ma senza produrre smog, rumori, traffico… Si ha la sensazione di essere più liberi, svincolati da una macchina e dalle sue prestazioni, liberi di essere lenti, di sentire la fatica, il caldo del sole, il sudore nella salita, il venticello nei punti più esposti, l’umidità nelle valli profonde. Provare un po’ tensione se non conosci o riconosci il sentiero, se senti un rumore insolito nel silenzio del percorso, se si sta facendo tardi e non devi trovarti al buio ancora sui sentieri.

Ma oggi abbiamo i cellulari sempre con noi, si possono controllare i tempi, le lunghezze fatte e da fare, la velocità del cammino, sapere il nome delle cime che vedi, delle piante che trovi, fotografare quello che ti incuriosisce, quello che ti emoziona, quello che ti inquieta.

Possiamo mandare messaggi, chiamare, rispondere…  Anche se sei sola sembra di essere in gruppo! A me piace andare con altri per condividere le sensazioni, scambiare pareri e informazioni, chiacchierare e conoscersi! Ma mi piace anche essere sola, seguire i miei ritmi, fermarmi o correre se ne ho bisogno. Oggi, come dicevo, con la tecnologia possiamo essere soli ma connessi con altri. E se vuoi essere proprio sola, vai in solitaria e ti disconnetti. Quindi si possono provare esperienze diverse e viaggi mai uguali, anche percorrendo le medesime strade.

Alcuni ricordi di passeggiate in compagnia:

Solo in questi ultimi mesi ho ripreso a camminare. Lo faccio con piacere, senza farmi troppe richieste, con il desiderio di scoprire percorsi antichi costruiti con pazienza dai nostri antenati per le loro esigenze di comunicazione, coltivazione e scambio. Per questo sono motivata anche a brevi passeggiate da sola!

Questa premessa perché volevo fissare l’attenzione su alcune camminate fatte proprio per spostarsi fra le due abitazioni, quella in città e quella in montagna. Questo mi ricorda la vita di transumanza che facevano un tempo i contadini della costiera dei Cech, che si spostavano per seguire meglio i ritmi della natura ed essere nel luogo che richiedeva il maggior intervento e soddisfava i bisogni di raccolta e allevamento del bestiame.

Le varie residenze degli abitanti dei cech non erano molto distanti fra loro, tutte sulla costiera, dal fondovalle agli alpeggi.

Le nostre due case distano in auto circa 10 km di strada, che si percorrono in 15/20 minuti.


A piedi? Si possono quasi dimezzare i chilometri se si conoscono i sentieri, come ha registrato la mappa dal mio cellulare. La lunghezza dipende da quale sentiero, mulattiera o carrozzabile si utilizza. Abbiamo scoperto che ci sono diversi percorsi che attraversano paesi, boschi, prati o vigneti. Alcuni più ripidi, altri più dolci, alcuni poco praticati, molti recuperati e ben segnalati da associazioni sportive locali per allenamenti e competizioni, e alcuni sentieri ancora da riscoprire… Ci sono anche delle bellissime mulattiere acciottolate, interrotte dal passaggio delle strade asfaltate per le auto. Per quanto riguarda i tempi? Dipende dalla velocità del pedone: età, allenamento e dalle soste che fa per godersi il percorso o battere dei record!

La discesa più gettonata segue il percorso seguente:

La salita si può fare seguendo lo stesso percorso della discesa, ma l’ultima l’ho fatto passando dalle vigne di San Biagio, i tempi sono simili.  Alcune foto del passaggio:

Link ai due video-percorsi fatti su mappe da Relive, un’app da scaricare e attivare a piacere, che ti segue nel tuo cammino, e dove puoi anche inserire delle foto scattate in precisi luoghi o punti di riferimento. Il primo percorso è solo in discesa, il secondo salita e discesa:

– 2 agosto 2020 – Discesa estiva alla città Scendere a valle in solitario silenzio

– 2 febbraio 2021 – Ultimo e più completo cammino da Morbegno a Chempo e ritorno Pomeriggio su e giù –

 —————————

Scritto, documentato e pubblicato da

Maria Valenti/Alicemate  ^_^

Le tre chiese nel Gisöl di Selvapiana

In una cappelletta o gisöl in località Selvapiana, frazione di Morbegno (Sondrio), sulla Costiera dei Cech,  possiamo vedere un moderno dipinto (di V. Deon del 2001). Questo dipinto (vedi immagine a destra) rappresenta “Gesù Buon Pastore”: il Buon Pastore ha un lungo bastone e le pecorelle intorno, fra loro una, nascosta dietro a Gesù, è nera. Ci sarà un nesso con il vicino agriturismo?
Sullo sfondo la Costiera con il taglio della valle del torrente Tovate che, nell’ultimo tratto, per raggiungere il fondovalle, deve farsi strada fra il fianco del Monte e il Culmine di Dazio.

Ma quali sono le tre chiese raffigurate?

Sono le tre Chiese più vicine a questa cappelletta e nella passeggiata del 30 gennaio 2021, che visualizzate nella mappa sotto, le abbiamo incontrate tutte e tre, e abbiamo anche salutato la cappelletta.

Mi è parso curiosa questa immagine che unisce religiosità,  attività commerciale e sullo sfondo, l’ambiente geografico locale.

Le chiese si possono riconoscere per la facciata e la posizione: quella  di Campovico in basso a destra, quella di Cermeledo in centro e di Selvapiana a sinistra.

Vediamo alcune notizie su queste tre Chiese e i loro fedeli?

Chiesa di Campovico

Chiesa della Visitazione di Campovico

La chiesa parrocchiale di Campovico, dedicata alla Visitazione della Beata Vergine Maria, se ne sta arroccata a 281 metri su un bel poggio che domina il paese. La chiesa fu eretta a parrocchia nel 1602 e consacrata nel 1706, dopo che era stato edificata sopra alla precedente; in quel periodo, la chiesa parrocchiale era quella di S. Nazzaro a Cermeledo ed ancora oggi la parrocchia comprende, oltre alla centrale chiesa a Campovico, la chiesa di S. Nazzaro, la chiesa di S. Benigno de Medici o San Bello e la chiesa di S. Giuseppe a Selvapiana.

Campovico è una frazione di Morbegno. I suoi suoi abitanti, leggiamo in un documento storico: “Alquanto diversa da quella di Morbegno è la popolazione di Campovico che appartiene alla stirpe dei Cech, d’origine franca. Di qua dell’Adda, essendo la zona meno fertile e poco solatia, l’elemento barbarico si diffuse assai meno e le antiche genti etrusche e romane poterono sussistere, nella zona dei Cech ebbero invece il sopravvento i Longobardi e i Franchi”
Le origini del borgo di Campovico sono probabilmente legate ad un antico porto sull’Adda, quando ancora questa era navigabile. Non sappiamo fino a che epoca, ma nel Quattrocento il porto di Campovico non c’era più, in un documento del 1395 i suoi abitanti si erano trasferiti dal piano a Cermeledo, soprattutto per le conseguenze delle rovinose piene del Toate e dell’Adda.

Chiesa di san Nazzaro di Cermeledo

Chiesa di Cermeledo
Si tratta della secentesca chiesa di S. Nazzaro di Cermeledo, la cui importanza è testimoniata dal fatto che nei secoli XVII e XVIII fu chiesa parrocchiale di Campovico, quando buona parte della popolazione del comune era concentrata qui. Il primo nucleo della chiesa dedicata ai santi Nazzaro e Celso, fu edificato, dalla famiglia Castelli Sannazzaro, nel 1369 e fu poi ampliato nel 1624. Siamo in località Dosso del Visconte o semplicemente “el dòs”, con voce dialettale.
Oggi sul sagrato della chiesa regna quasi sempre una profondissima quiete.

Cermeledo, anch’essa frazione di Morbegno e, prima del 1938 frazione di Campovico, quando venne aggregato al comune di Morbegno. Piccolo borgo rurale che si trova, nascosto fra i castagni, a monte di Campovico, a 461 metri.

Di particolare importanza storica, nel vicino dosso del Visconte, dove sorge la Chiesa, ebbe sede il Visconte di Valtellina in età carolingia (fino al 1037)
Data la natura dei luoghi, gli abitanti di Campovico furono indotti, in passato, a trasferirsi qui in massa, per sfuggire alle conseguenze delle vicende belliche e alle rovinose di alluvioni dell’Adda e del Tovate o Toate. Il Tovate merita una breve parentesi: secondo una voce assai antica, in origine scendeva a valle sul versante della Val Masino, immettendosi direttamente nel torrente Masino; trovò poi la nuova via, scaricando periodicamente la sua furia nella piana di Campovico.

Per raggiungere Cermeledo possiamo salire da Campovico lungo l’antica mulattiera trasformata oggi in un tratturo in cui il fondo in asfalto e cemento risparmia solo per brevi tratti l’antico fondo acciottolato.

Chiesa di Selvapiana

Chiesa di San Giuseppe di Selvapiana

La chiesetta dedicata a San Giuseppe ha sulla facciata un dipinto del santo, con l’immancabile giglio nella mano sinistra ed il Bambin Gesù nella destra.

Qui scendevano, fino agli anni cinquanta del secolo scorso, i contadini di Civo per i lavori primaverili nelle vigne. Anche la scuola elementare per qualche settimana scendeva con loro.

Selvapiana con le sue belle case, è uno dei nuclei meno noti ma più straordinari e panoramici della Costiera dei Cech orientale.

Abbiamo scoperto quali sono le chiese del dipinto, il motivo della scelta sarà perchè sono le più vicine a questo luogo (vedi mappa) e forse questa cappelletta è di proprietà del vicino agriturismo dal nome “Pecora Nera”.

 Le informazioni sono state tratte e sintetizzate dalle belle pubblicazioni di 
(Massimo Dei Cas, www.paesidivaltellina.it)

 —————————

Scritto, documentato e pubblicato da

Maria Valenti/Alicemate  ^_^