Oh Ermione!

Ecco fatto, ho raccolto in questo articolo del mio blog i versi divertiti che ho scritto per gioco nella mia pagina facebook.

Sono ispirati da Ermione? Sì è questo il nome che ripeto ad ogni pioggia, è lei la protagonista della poesia del famoso scrittore D’Annunzio “La pioggia nel pineto”, ma la mia vera ispiratrice è LA PIOGGIA.

Amo la pioggia, amo bagnarmi sotto la pioggia estiva e passeggiare sotto la pioggia autunnale, e ammirare la fredda pioggia di ogni stagione.

Le date che trovate sono quelle reali delle fotografie scattate e delle parole uscite da sguardi, suoni, profumi, pensieri… e sono anche i link attivi ai post della mia pagina.

Se volete leggere meglio cliccate sulle immagini e ingranditele

19 giugno

Gràndina o Ermione

Vedi.
Grandina sulle piantine di pomodoro che ancora non avevo legato
Grandina sulle foglie di zucchine
Grandina sul fragile
Basilico
Grandina o Ermione
Che non preghi abbastanza
In nessuna stagione!

 

14 luglio

Oh Ermione

21 luglio 

Mia cara Ermione

Odi?
La pioggia cade
Sulla pergola spessa
Con un crepitio
Che non dura
Par smetta
E riprende
E poi smette.
Che dispetti di secco e bagnato
Che asciuga
E si oscura e rischiara.
Oggi che fai?
Nè prodiga nè avara
O Ermione mia cara.

 

28 agosto

Ermione Incauta

29 agosto

Ermione Curiosa

 

30 agosto  

Ermione Silvana

24 settembre

Ermione Illusa

2 ottobre 

Ermione Disorientata

23 ottobre 

 Ermione e il secchiello

Ma perchè tutto questo ricorrere a Ermione nei giorni di pioggia? Mi piace così tanto la famosa poesia “La pioggia nel pineto di Gabriele D’Annunzio”? No, diciamo che il mio interesse è nato dall’ascolto di una sua parodia “La pioggia sul cappello” di Luciano Folgore, recitata da Carmelo Bene, diventato un mio idolo dopo averlo letto e ascoltato per un anno intero.
Ecco un video (si vede male ma si sente bene) dove Carmelo recita la parodia (o critica) della famosa poesia a “Domenica in”, una vecchia trasmissione televisiva del 1978 .

 

Al link sotto potrete leggere i testi a confronto La pioggia sul cappello di Luciano Folgore e La pioggia nel pineto di Gabriele D’Annunzio.

La piogga nel pineto -parodia e testo-

Comunque mi piace anche il testo di D’Annunzio, certo mi piace la pioggia, specie in estate, lasciarsi bagnare e amare in un caldo pomeriggio. Questa recitazione mi pare bella!

Scritto, documentato e pubblicato da

Maria Valenti/Alicemate ^_^

Accendere la stufa!

Da una settimana è scattato il lockdown in Lombardia, io ero nella casa di montagna per la raccolta dello zafferano, e qui sono rimasta. Questa decisione è stata presa in accordo dai tre familiari coinvolti: rimanere in questo paesino più a contatto con la natura, vicino ai boschi, più facilitati a muoverci nel comune vasto e poco abitato, ma in particolare perchè qui stiamo bene.

Le temperature si sono abbassate nelle valli e sui pendii delle nostre Alpi, ma da noi, se sorge il sole, è sempre primavera! Quindi si è invogliati ad uscire, camminare, esplorare boschi, pulire campi, raccogliere prodotti del luogo… ma quando ci si ferma è importante sentire un po’ di tepore e riposare.

Una bella stufa accesa è utile e allegra, fa compagnia, con lei non si è mai soli, entrambi ci sentiamo necessari!

Accendere la stufa dunque, o in dialetto talamonese impizzà la pigno, è diventato un rito importante, quando lo faccio mi sento trasportare nella mia casa dell’infanzia per l’effetto madeleine: l’odore della cenere, del fumo che scappa, lo scoppiettio del legno che si consuma, le mani sporche di nero, il caldo che ti avvolge e rosola.

Ok, non è proprio tutto poetico, bassa manovalanza ma non solo, quando si tratta di accendere il fuoco ci vuole anche competenza. Rivedo mia madre al lavoro con umile destrezza nel compiere azioni tanto ripetitive da diventare perfette!

Questo slideshow richiede JavaScript.

Altra considerazione: ma come si traducono in lingua italiana i nomi dei materiali e delle azioni necessari ad accendere e mantenere il fuoco in una stufa a legna?

Mi informerò, ma di sicuro io la stufa a legna l’ho vista funzionare

solo in dialetto!

Ecco i nomi scritti correttamente in dialetto e la rispettiva traduzione in italiano (richiesti alla Prof. Nelda che li ha presi dal vocabolario di padre Abramo, l’unico testo a cui si può far riferimento per Talamona):

Spazzööl -> pezzo di asse di legno   – Schéno -> pezzo di legna da ardere   – Cavìc -> legnetto

 

– i spazzööi – la schéno – i cavìc

In effetti non ci sono traduzioni precise, una è un alterato e due sono perifrasi della parola legno:

legnetto, pezzo di asse di legno, pezzo di legna da ardere.

Quindi in italiano non si accendeva realmente una stufa?

_____________________________

Che dite, può essere una festa antica e magica avere una stufa chiacchierina che ci spia dai vetri della sua fornace?

Allora tagliamo la torta?

—————————————-

Scritto, documentato e pubblicato da

Maria Valenti/Alicemate  ^_^