Una casa nei Cech (4) -Porte e passaggi-

– Porte e passaggi – (articolo precedente su vicoli e svincoli, qui)

Leggendo Dostoevskij  La porta laterale si aprì, e quella donna apparve!… Ricordo soltanto che in quei tre minuti vidi una donna veramente bellissima… Essa alzò il viso e mi diede una guardataccia e sorrise in modo così insolente che io …  Mi volsi e uscii. Uscii dalla stanza come in estasi.”

Pensando alle scuole… A scuola suona la campanella alle ore 8.00 e si aprono le porte; qualcuno finisce sempre fuori dalla porta; per entrare dal Dirigente si bussa alla porta

Le porte servono a portare oltre, a far passare, a far passare ma anche a non far passare, quando vengono sbarrate o chiuse a chiave.

Passano i proprietari, gli abitanti, gli invitati, gli ospiti, gli amici… non passano gli sconosciuti, gli estranei, i nemici, gli indesiderati. Quindi perchè una casa sia un ambiente sicuro, protetto, riparato, chiuso ma accessibile, ha bisogno delle porte.

Le porte in una casa devono avere una struttura solida su cui incernierarsi per ruotare, potersi bloccare saldamente, ma anche girare agevolmente.

La porta si vede molto, tutti quelli che vogliono entrare se la trovano davanti, quindi spesso serviva e serve ancora a presentare e rappresentare la casa e i suoi abitanti: casa regale, signorile, essenziale, austera, moderna, povera… Nel tempo le porte sono cambiate, sia come materiali che come lavorazione e come modalità di montaggio e chiusura.

Vediamo alcune porte della casa dei Cech risalenti almeno ai primi anni del 1900, alcune come le abbiamo trovate, altre risanate e mantenute, altre spostate o modificate, altre infine rimessate o eliminate. Tutte erano fornite di catenacci o chiavistelli, alcune con successiva aggiunta di serrature con “chiave a blocchetto”. Tutte le porte erano in legno: di castagno, larice o abete; erano incernierate ai muri in sasso direttamente, con cardini di ferro. Certo non erano a chiusura a prova di spifferi, le fessure fra legno e muro erano evidenti e garantivano la circolazione di aria, così da evitare la formazione di odori, muffe e marciumi, infatti, nonostante l’umidità e i legni tarlati e scrostati, abbiamo trovato un ambiente “sano”.

Cliccare su una foto per ingrandire, leggere e scorrere la galleria 
in cui le porte "si presentano":

———————————————————————-

Ciao, alla prossima puntata! QUI

Scritto, documentato e pubblicato da

Maria Valenti/Alicemate  ^_^

Una casa nei Cech (3) -Dai vicoli agli svincoli-

– Dai vicoli agli svincoli – Niente recinzioni, niente ingresso, niente corridoi, niente svincoli, niente scale coperte, ma tante porte e tante chiavi…

Abbiamo visto quanto fosse importante la Cucina in una casa di contadini nella prima metà del 1900 (qui)

Un’altra particolarità di questa architettura popolare era l’assoluta mancanza di spazi interni adibiti a solo passaggio, come ingressi, svincoli, e spesso anche scale. Infatti nella nostra casa nei Cech non ce n’erano. Si entrava direttamente in cucina, e si usciva di nuovo all’esterno per accedere agli altri locali della casa. Quindi la nostra cucina era un locale isolato, le due porte “portavano” entrambe all’esterno: una verso il terrazzino, poi alle stalle e ai prati, l’altra ai cortili e vicoli del paese, oltre alla scala di cantina e a quella che saliva nelle stanza da letto.

Questo spazio di passaggio e accesso, era anche ad uso degli altri abitanti che dovevano raggiungere i loro prati, il bisogno dava diritto di passaggio, oltre a diventare, di conseguenza, anche zona di incontro e gioco.

Ricordo il primo soggiorno alla casa nei Cech, quando era ancora tutto aperto e i ragazzi si divertivano un mondo a giocare a nascondino: tutto il paese era uno spazio condiviso, scale, portoni, muretti, vicoli, lavatoi, fontane, il sagrato della Chiesa… Purtroppo o per fortuna però, a mano a mano che si facevano delle ristrutturazioni, ogni proprietario recintava la propria casa… ormai era rimasta solo la nostra aperta in quella via, e anche noi l’abbiamo chiusa!

Chiusa ai passanti, ai motorini, ai cavalli, ai cani, ai gatti no! Ma in particolare chiusa ai cervi che non ci avrebbero permesso di avere un giardino e un orto!

Ora vi mostro le foto della “zona di passaggio” sul retro della cucina, come era prima e come l’abbiamo trasformata, cioè come un vicolo di passaggio di più persone è diventato uno svincolo interno alla casa.

Con tutta quell’ antica comunione di passaggi, le porte di ogni locale erano però ben chiuse per proteggere la vita privata e la sicurezza degli abitanti: portoncini in legno, irrobustiti da chiodi e catenacci  e incardinati ai muri. Oggi invece si prediligono porte vetrate con piccole chiavi, ma allontanate da occhi e orecchi estranei con recinzioni e giardini… e fotocellule!

Ciao!


Una casa nei Cech (4)

Agosto -tre amici nello stagno-

Il racconto Tre amici nello stagno di Attilio Cassinelli, pubblicato da Giunti Editore, nella collana dodici mesi, l’ho trovato in biblioteca in una edizione del 1972. L’ho cercato nelle varie librerie ma risulta sempre esaurito.

È una storia molto carina, che ci parla di libertà, di amicizia, di aiuto e rispetto degli altri, dei loro bisogni e sentimenti. Le illustrazioni semplici e molto grandi, sanno attirare e coinvolgere i piccoli ascoltatori.
Per chi vuole conoscere e leggere ai suoi bambini (adatto indicativamente dai 4 ai 6 anni) vi metto il pdf che ho costruito, essendo  introvabile.

Agosto- tre amici nello stagno-

 

Scritto, fotografato e pubblicato da

Maria Valenti/Alicemate

Lavoro dedicato in particolare alla mia piccola Viola che ama le storie di ATTILIO

—————–

Articolo successivo: Dicembre -L’Albero di Natale-

Libri di Attilio: edizioni a confronto

Sono felice perchè sono riuscita a trovare tre dei quattro libri di Attilio della collana -dodici mesi- che mi mancavano (ne ho parlato qui).

Li ho trovati nelle biblioteche, ma sono di edizioni diverse da quelli che avevo regalato a mio figlio. Quelli del piccolo Sam sono dell’edizione del 1982, quelli presi in prestito sono di edizioni del 1972 e del 1993. Li ho sfogliati e ho colto alcune differenze: l’edizione più vecchia ha i titoli in Corsivo e la storia scritta in normali caratteri minuscoli, quella del 1982 ha i titoli in STAMPATO MAIUSCOLO, ma nel 1993, oltre ai titoli in stampato maiuscolo, ha pure tutti i testi  in STAMPATO MAIUSCOLO. Non mi sono meravigliata molto, perchè ho ricordato che in quel periodo, (anni 90) era diventato “raccomandabile” iniziare l’apprendimento dela lettura e anche della scrittura usando questi caratteri, più semplici da copiare e anche da vedere.

E ora? beh, questa è un’altra storia.

Vorrei invece mostravi le differenze osservate in queste tre edizioni, perchè mi sono sembrate interessanti. Ho costruito una tabella e poi metterò le foto per chiarire le rilevazioni.
Le copertine nelle tre edizioni, notare i caratteri di scrittura:

Le pagine nelle differenti edizioni, ingrandire cliccando sulla foto e notare lo stampato nell’edizione del 1993:

Occhiello iniziale (con indicazione collana), non presente nella prima edizione, che presenta invece nella prime e ultime pagine le illustrazioni delle quattro stagioni (1972):

Occhielli delle due edizioni successive:

Le quarte di copertina con la differenza del prezzo?

Per chiudere questi confronti vi pubblico tre coloriture dei personaggi di Attilio presentati a fine libro. Sono curiose perchè mostrano il proseguire della padronanza di tecnica e precisione nel riempire gli spazi da parte della sorellina Marti (brava neh!)

————————————-

Scritto, fotografato e pubblicato da

Maria Valenti/Alicemate (mamma e maestra)

 

Mi piacerebbe pubblicare anche le tre storie recuperate in biblioteca, non essendo in commercio dovrebbe essere legale. E, se qualche lettore volonteroso avesse la storia mancante (Febbraio. Evviva il Carnevale) questo ci farebbe un bel regalo a mostrarcela, inviandomela per mail. Indirizzo in home page.

Articolo successivo: Agosto -tre amici nello stagno-

 

 

Una casa nei Cech (2) -Entriamo in CASA-

– Entriamo in CASA – la CUCINA

Eccomi a continuare il racconto iniziato il 7 settembre scorso di “Una casa nei Cech”. Per chi non sapesse nulla, vedere qui.

Allora, pensavo di fare un racconto consecutivo, ma io sono facilmente distraibile, sì, vorrei stare più a tema, stare in quel dato argomento e approfondirlo, mi piace molto anzi andare giù e giù, ma anche qui ci si può perdere. Insomma o cambio strada o mi infilo in stradine e straducole che disorientano me, figuriamoci chi mi ascolta o mi segue! In realtà non vedo nessun seguito, e fate bene!

Comunque ho avuto una  gita a Torino, la sistemazione di libri e inizio di nuove letture. Ho chiuso, e mi si stringe il cuore a dirlo, ma ho finalmente chiuso i libri di don Milani, e aperto, o meglio riaperto Montessori, ma stavo avendo un po’ di overdose scolastica, quindi sono passata a Dostoevskij. 

Tutto questo lungo preambolo per giustificare la mia lentezza e anche perchè questa mattina leggevo, nel romanzo di Dostoevskij, di uno strano acquisto ad un’asta di un album di famiglia, per due rubli e cinque copechi, una solenne inutilità che però si rivenderà subito ad un interessato a dieci rubli con grande soddisfazione dell’inesperto acquirente. Insomma un album di famiglia, io ho la passione per queste cose che raccontano di certi piccoli momenti di gioia, o di tragedie incredibili, segretamente nascosti in pagine ingiallite o pareti ammuffite. Infatti molti sorridono del valore che io dò a cose “vecchie” che raccontano storie.

Ed eccomi alla casa nei Cech e alla sua storia.  Ci siete ancora? Noo? pazienza, io scriverò lo stesso.

—————————————————————————————————————-

“Quindi siamo alla casa che è stata acquistata, utilizzata come “area attrezzata” per vacanza in camper, e poi nelle mani di progettisti, muratori e desideri.

Entriamo in cucina? noi la chiamiamo ora CUCINA, ma nelle case dei nostri paesini, ancora quando io ero bambina, la cucina era la CASA. Sì, la casa era il locale dove si trascorreva la maggior parte della giornata, dove si soggiornava, si mangiava, si facevano i compiti, si ricevevano gli amici, si leggeva il giornale…
Quindi eccoci in “casa”, il centro della vita di allora, dove oggi principalmente si cucina, e infatti è chiamata cucina.

Mostrerò alcune immagini di come era prima della ristrutturazione e dopo.

Si possono notare molte differenze: la tinta delle pareti, molto colorate prima, i soffitti in legno tinteggiati a tempera come le pareti, che si scrostavano molto. E dopo i lavori di sistemazione ecco alcune travi mantenute, ma ripulite e valorizzate nella loro tinta naturale. Abbiamo cercato di mantenere diverse testimonianze della precedente vita: il grande camino, il lavandino di cemento costruito sul posto e sistemato nella rientranza della finestra, le travi sopra alle porte, il tavolo giallo in formica, le sedie in legno… certo tutto ripulito e restaurato, con molto lavoro (anche fatto da me). La lampada saliscendi recuperata nei mercatini, con filo intrecciato che corre sulla trave, le piastrelle esagonali trovate in un fondo di magazzino che sostituiranno il vecchio cemento lavabile…

Dunque entriamo?

Il portoncino che ci porta all’interno, passando dal terrazzino e arrivando, una volta, dai prati e dalle stalle, è collocato al muro con dei grossi cardini, munito di chiavistello e catenaccio, era robusto ma lo abbiamo sostituito con una porta a vetri per dare più luce al locale, lo rivedremo in gran forma in un altro luogo della casa dove non deve entrare la luce!

Ora, da questo lato si arriva con una comoda strada asfaltata mentre prima c’erano solo sentieri, quindi questo è diventato l’ingresso di casa.

La finestra della cucina, con l’inferriata e lo scuro, era posta sopra al lavandino a cui era poi stato aggiunto il prezioso rubinetto dell’acqua corrente, impedendone però la comoda apertura. Nella ristrutturazione abbiamo quindi modificato la finestra con l’aggiunta di un vetro fisso per dare spazio al rubinetto e tolto scuro e inferriata per aumentare la luce. Il lavandino è allo stesso posto, un po’ basso per lavare i piatti, ma da vedere è molto tenero e retrò

L’arredo principale della cucina di un tempo era la credenza, insieme al tavolo naturalmente, poi è arrivata la “cucina all’americana” con elettrodomestici sempre più numerosi.

Al centro il grande tavolo di legno coperto da formica gialla è rimasto col suo luminoso piano di appoggio che è tanto piaciuto all’arredatore. Abbiamo cercato di mantenere l’atmosfera della cucina contadina di un tempo, rendendola più funzionale e gradevole.

Alla parete fra le due porte, dove c’era il fornello, abbiamo sistemato una vecchia credenza del nonno restaurata a dovere, la nicchia nel muro farà da “bar”, dietro la porta un appendiabiti fatto di resti trovati, assemblati e colorati.

Il posto sicuramente più importante è occupato dal grande camino su cui si legge la data di costruzione, posteriore a quella della casa, il 1928. In quegli anni era questo il modello ricorrente, infatti si trova in molte abitazioni della zona. Abbiamo voluto mantenerlo, convinti anche del suo buon funzionamento, purtroppo invece il tiraggio non era ottimale e abbiamo usato questo spazio per sistemare una stufa. Mi piace molto questa soluzione: salva la storia, crea un vano più sicuro per contenere questa fonte di calore ed è un’importante scenografia allo spettacolo creato dalla fiamma, oltre ad avere una nuova canna che aspira il fumo e non fa ricadere la fuliggine all’interno.

Un secondo portoncino, che una volta serviva proprio come principale accesso alla casa, è ora sul retro della cucina e ci porta sulle scale che salgono sopra e scendono in cantina, oltre a far accedere agli stretti vicoli del paese. Ora il vicolo è stato chiuso, quindi lo spazio resta interno, come vano scale.

Usciamo a dare un’occhiata alla trasformazione del vano scale?
Questo spazio è cambiato molto, nonostante si sia conservata tutta la struttura, compreso il muretto a riparo della scala che scende in cantina, ma lo vedremo in seguito.

Alla prossima puntata

 Una casa nei Cech (3) -Dai vicoli agli svincoli-

—————————————-

Scritto, documentato e pubblicato da

Maria Valenti/Alicemate  ^_^

I dodici mesi con i personaggi di ATTILIO

Sono tornati a rivivere i libri della collana “dodici mesi” di Attilio, riscuotendo un grande successo dalla mia nipotina quando aveva poco più di un anno… quindi li ho rivalutati e ho cercato ovunque i quattro libretti che mi mancavano, ma non sono riuscita a trovarli e fornire altri racconti alla piccola Viola.
Nella foto li vedete tutti, ma i quattro con la copertina bianca e il titolo in corsivo, non li abbiamo, non sono più in commercio, ho trovato a fatica anche le foto di copertina.

Samuele è il nome del coniglietto, un personaggio di questi simpatici raccontini che vogliono caratterizzare ogni mese dell’anno. Vi cito Samuele perchè è il nome di mio figlio, il papà della piccola Viola, e la curiosità è che proprio a lui furono regalati questi libretti, all’età di cinque anni, perchè erano il filo conduttore della didattica del suo anno di Scuola Materna. Le sue maestre Betta e Carla ideavano scenette, cartelloni e osservazioni su questi spunti. Un problema era che il bimbo Samuele non amava essere abbinato al coniglio Samuele, ma non è stato grave, il personaggio era positivo e presto la serenità è tornata assieme all’allegra compagnia dei personaggi di Attilio.

Una pagina della storia del mese di marzo, dove la sorellina Martina aveva poi personalizzato con i suoi contributi artistici:

Non sarebbe una bella idea utilizzare le storie di Attilio in classe Prima, alla Primaria? per ritmare il passare dei mesi e dare sistemazione storica e matematica ai nostri 12 mesi? E lo stimolo per imparare a leggere?

Si potrebbe a questo scopo costruitre un grande cartellone, magari senza colori, e dare le tinte alla copertina interessata lungo il mese del racconto e del suo scorrere!

Questo potrebbe essere il cartellone, a colpo d’occhio si contano i mesi già dai primi giorni di settembre, e a fine anno scolastico si ha memorizzato posto, nome, caratteristiche… e si sa leggere, raccontare, e discutere intorno a molti contenuti. 😉

Scritto e pubblicato da

Maria Valenti/Alicemate (nonna, mamma, maestra e blogger)

e grazie a mamma Ely per la sua partecipazione ^_^

 

Articolo successivo: Libri di Attilio: edizioni a confronto