– Le nostre soste col camper (in aree attrezzate e parcheggi)

Post linkato al viaggio “In Sardegna” sulla colonna

“Pernottamento in aree di sosta per camper (triangolini nella cartina)”  (la cartina e la tabella di marcia le vedi QUI)

Raggrupperò qui le aree di sosta che ci hanno accolto durante il viaggio/vacanza in Sardegna

cartina province SardegnaCe ne sono parecchie, in particolare lungo la costa, sono spesso ben organizzate, quasi dei campeggi, ma solo per camper: proprio quello che fa per noi: un posto pianeggiante, di facile accesso, con la possibilità di carico acqua e scarico adeguato e funzionale. Sono forniti di docce calde (per il nostro periodo un po’ poche, la sera spesso coda …), anche fredde sono utili, specie se in zone di mare, per evitare l’uso della doccia del camper, che richiede sempre ulteriore carico e scarico, oltre a dover accendere il boiler, che in estate alzerebbe ulteriormente la temperatura interna. Se poi c’è ombra, lavatoi, bar, ristorante, negozio… possono essere molto utili, in particolare quando i paesi non sono facilmente raggiungibili per chi, come noi, si ferma il tempo per riposare e riprendere il viaggio.

Area di sosta “Oasi Gallura” a Vignola Mare (Aglientu) Olbia

carico acqua

carico acqua

Area di sosta per camper “Paradise Park” vicino ad Alghero, loc. le Bombarde (Sassari)

noi nel pratone

noi nel pratone

Area attrezzata comunale sosta camper a Ghilarza (Oristano) non custodita ma tranquilla

soli nel boschetto

soli nel boschetto

Agricampeggio Muras, spiaggia Is Arutas Cabras Oristano

dalla spiaggia "riso" lavaggio piedi

dalla spiaggia di “riso”,
lavaggio piedi

tramonto sui camper

tramonto sui camper

Area sosta camper “la Malfidano” Buggerru (Carbonia/Iglesias)

P1060745 - Copia dal camper a Buggerru - Copia

Camper Cagliari Park

P1060803

 

E’ un parcheggio su asfalto ma custodito e recintato.

Utilissimo per visitare la città che si può raggiungere anche a piedi.

 

 

 

Area si sosta camper “Rocce Rosse” di Tortolì in provincia di Ogliastra. Vicino ad una bellissima spiaggia, all’ombra di eucalipti che lasciavano cadere a terra i loro pezzi di corteggia a causa del vento vivace. A noi faceva ombra anche una vecchia quercia da sughero.

P1060968 P1060970

P1060969 P1060967

Area di sosta per camper “Palmasera” di Cala Gonone (Nuoro):

Noi siamo rimasti una sola giornata per riposarci, ci siamo trovati bene per i servizi, le piazzole ordinate e ombreggiate, il silenzio del posto, un po’ meno dei camperisti vicini, ma ognuno ha i propri ritmi e la propria zona di privacy… La spiaggia un po’ lontana per chi ha poco tempo, l’abbiamo visitata di sera passeggiando sul lungomare ben attrezzato e vivacizzato da molti turisti.

A noi ha dato l’idea di una Rimini sarda, ehi, sarda! Un sorbetto al mirto ha chiuso la passeggiata: ottimo!

All'ombra dei pini

All’ombra dei pini

con i nostri "vivaci vicini"

con i nostri “vivaci vicini”

su terrazzi ben serviti e ordinati

su terrazzi ben serviti e ordinati

Area sosta camper “Il Fagiolone” a Siena. Eravamo preoccupati perchè questo fagiolone di parcheggio è all’interno di un anello stradale, fortunatamente le ore di piena notte il traffico si ferma e … si dorme! Per una notte e la comodità della città vicina è ottimo!

P1070092

Metto anche le soste in parcheggi non attrezzati ma molto utili per pernottare o sostare in condizioni utili ai viaggiatori:

1- il parcheggio del Passo della Cisa

P1060307

2- il parcheggio in via Ugo Rindi di Pisa, molto comodo per la visita alla cittàP1060333 parcheggio via Ugo Rindi

3- il parcheggio all’interno del porto di Livorno, accessibile solo per chi deve imbarcarsi, molto utile se l’orario è nella prima mattinata. C’era il motore di un traghetto in rimessa di fronte a noi che non era al top come ninna nanna, ma insomma, la comodità di essere a due minuti dall’area imbarco, in compagnia di altri camperisti (la foto sotto presa da Google mostra un parcheggio semi vuoto), il tutto era rassicurante.

parcheggio porto Livorno

4- Parcheggio a Fordongianus.

Punto sosta camper presso le Terme Romane, sul Tirso. Pomeriggio caldissimo: le terme le abbiamo guardate dall’ombra del boschetto fluviale, al parco giochi, alcuni ragazzi stavano preparando gli strumenti per un concerto, un chioschetto ci ha aiutato a preparare uno spuntino, poi all’ombra e al fiume che scorre allegro di fianco alla strada in terra battuta.

P1060667 P1060668 P1060669 P1060670

5- parcheggio dell’Auchan di Olbia, vicino al porto e utile per imbarchi di primo mattino

ore 6.00 lasciamo il parcheggio...
ore 6.00 lasciamo il parcheggio…
e i nostri vicini

e i nostri vicini

– Verso la Sardegna

Al Passo della Cisa

Alle ore 20,00 di domenica 11 agosto 2013 arrivo al Passo della Cisa.

Siamo usciti dall’autostrada a Berceto seguendo un’ indicazione trovata su internet di un parcheggio per camper a 200 metri dalla cittadina, ma si trattava di un piccolo parcheggio sterrato a fianco della strada, abbiamo quindi proseguito fino al Passo dove, in un ambiente semi abbandonato, ma fresco e tranquillo, ci siamo accomodati per una minestrina calda: wow, non pareva possibile col caldo lasciato a Morbegno!

Il bar è chiuso, una partita a carte e si fa la nanna cullandoci nel gran concerto dei grilli.

P1060326

Il mattino facciamo un giretto poi… in discesa verso Pisa!

(clicca su una foto per aprire la galleria,  poi utilizza la freccia per guardarla tutta)

In discesa.... verso Pisa

In discesa…. verso Pisa

A Pisa

Lunedì 12 agosto 2013, a Pisa.

Parcheggiamo e visita al Campo dei Miracoli con un sole accecante condiviso con una moltitudine di gitanti.

Questo slideshow richiede JavaScript.

torniamo al camper inebriandoci di "bouganville"

torniamo al camper inebriandoci di “bouganville”

Dopo cena si parte per Livorno che raggiungiamo alle ore 20,00,  ci mettiamo in sosta al porto per trascorrere le ore della notte e puntare la sveglia alle ore 6.00 ed essere pronti all’IMBARCO sul traghetto per la Sardegna…

Tom è preoccupato, la scorsa notte ha ascoltato i grilli troppo a lungo!!!

– Viaggio in Sardegna

Il nostro viaggio in Sardegna con il camper

(marito alla guida, un figlio alla chitarra e io).

norbe alla guida   tom alla chitarra  io

Clicca sulla cartina per ingrandire e leggereviaggio in Sardegna 2013

Non coincidendo le date delle traghettate con la durata della vacanza, abbiamo aggiunto una visita a Pisa in andata e una a Siena al ritorno.

In alto la cartina con il percorso fatto (ha avuto delle varianti rispetto ai programmi, specialmente al sud della Sardegna, cliccando QUI puoi rivedere il percorso/progetto)

Nella  tabella le località visitate e dove abbiamo pernottato, queste saranno pian piano linkate alle relative foto e note.

Date di agosto 2013 VISITA LOCALITÀ (nei riquadri nella cartina) Pernottamento in aree di sosta o parcheggi per camper (triangolini nella cartina)
Dom 11 Partenza… Passo della Cisa fuori dall’autostrada Sul Passo della Cisa
Lun 12 Passeggiata al passo, Pisa e… per Livorno Porto di Livorno
Mar 13 Traversata Livorno/Olbia, Costa Smeralda, Porto Cervo… Vignola mare “Oasi Gallura”
Mer 14 Spiagge di Vignola Vignola mare “Oasi Gallura”
Giov 15 Costa Paradiso, Castelsardo Alghero (Fertilia) “Paradise Park”
Ven 16 Alghero e Bosa.  Ghilarza (casa/museo di Gramsci) Ghilarza Area attrezzata comunale
Sab 17 Ghilarza (S. Petronio), Zuri, lago Omodeo, S. Serafino, Fordongiànus (fiume Tirso, terme romane), penisola di Sinis (Tharros) Is Arutas  “Agricampeggio Muras”
Dom 18 Oristano, toccata a Fluminimaggiore, Buggerru (museo vecchie miniere) Buggerru “la Malfidano”
Lun 19 Il Sulcis fino a Carbonia poi a Cagliari Cagliari “Cagliari Park”
Mar 20 Barùmini (nuraghe) e Barbagia (Gennargentu del sud) fino al mare di Tortoli (Rocce Rosse)  “Rocce Rosse” di Tortolì
Mer 21 Barbagia (Gennargentu del nord) fino a Orgosolo (murales), poi al mare di Cala Gonone Cala Gonone “Palmasera”
Gio 22 Relax a Cala Gonone, poi verso Olbia Olbia al parcheggio dell’Auchan
Ven 23 Traghettata da Olbia a Piombino, Siena Siena “Punto sosta”
Sab 24 Ritorno a casa con un giorno di anticipo /

– L’ ETNA (14° post del viaggio in Sicilia)

Continuando il viaggio di due anni fa  (grazie al diario di bordo e alla documentazione possiamo ritornare un po’ indietro nel tempo. QUI il nostro percorso) 

Ieri 16 agosto 2011 partenza da Siracusa alle ore 17.00 per un’ escursione sull’Etna (vulcano più alto d’Europa, 3350 m e uno dei più attivi del mondo).

Arrivati alle 19.30 a Nicolosi (piazzale con parcheggio a quota 2000 metri)  ci accoglie un’aria è frizzante: felpa e passeggiata intorno ad alcuni crateri spenti. Spaghettata al pomodoro a km 0: apprezzatissima, come la vista sulla città di Catania (?), e nanna.

Il mattino seguente si parte per l’esplorazione delle zone crateriche autorizzate dell’Etna sud:

fuoristrada per escursione

fuoristrada per escursione

funivia – un mezzo fuoristrada… ed eccoci a seguire la guida che ci mostra alcuni crateri attivi e fumaiole, il terreno è molto caldo, quindi è consigliabile avere delle scarpe con buone suole isolanti. Alcune foto che non rendono la reale emozione di trovarsi in un ambiente tanto insolito: “da girone dantesco”, caldo ai piedi e freddo alla testa…

(Cliccare su una delle foto sotto per ingrandirla e guardare poi tutta la galleria utilizzando la freccia)

si riparte: saluti “A muntagna”

si riparte: saluti  “A muntagna”

Il 21 giugno 2013 la XXXVII Sessione del Comitato UNESCO, riunitasi a Phnom Penh, ha insignito il Monte Etna del titolo di Patrimonio dell’Umanità.

(leggi da Marirò, una catanese doc)