– Pirandello, Sicilia e letture (9°post del viaggio)

venerdì 13 agosto 2011 eravamo ad Agrigento

per La Valle dei Templi certo,  ma anche per Pirandello, quindi oggi, 145° anniversario della sua nascita,  bisogna che lo ricordi con i luoghi che ho visto, con i libri che ho riletto,  con il teatro che mi sono goduta nel piazzale della sua casa, ora museo,  a Caos a pochi chilometri da Agrigento (la sua Girgenti).

Premessa intorno alle letture in Sicilia: eravamo sbarcati in  Sicilia (il 07.08.11) e  stavo leggendo”Il Cimitero di Praga” di Umberto Eco,  la lettura si accordava bene … si raccontava di Garibaldi e il suo sbarco in Sicilia con i Mille, ma accidenti quanto pesa il testo, difficile infilarlo nello zainetto e portaselo lungo i nostri percorsi per avere la giusta lettura nei momenti di relax, quindi lo sospendo e dopo una veloce e felice immersione  in “Seta” di Baricco, decido di rileggere Pirandello che mi sono portata appositamente per entrare anche un po’ in “contatto letterario” con l’isola. 

Inizio con “Il Turno” romanzo del 1902.

http://image.anobii.com/anobi/image_book.php?type=3&item_id=011b6a56ff9ff4301f&time=0

a pag 57 si legge:  “In una di quelle serate si concertò per la prossima domenica una gita ai Tempii: convegno alle sette del mattino.”

e qui si parla dei Tempii o Templi della Valle che noi abbiamo visitato, carino, sembra di camminare dove ha camminato il grande letterato, premio Nobel…

   

Tempio di Giunone   – Tempio della Concordia   – Tempio di Ercole

… poi si legge della  pioggia che li insupperà, per cui cercheranno riparo sotto ad un albero, sempre alla gita raccontata…

     

Per noi il problema non è stata la pioggia ma il sole a cui abbiamo cercato ogni possibile riparo!

Al termine della lettura ho pubblicato  la mia recensione su aNobii:

“Si fa il turno per salire sull’altalena, da piccoli. Si fa il turno per curare i nonni, da grandi. Ma fare il turno per sposare una donna? Non ci avevo mai pensato, neanche per sposare un uomo si intende, eh! Pirandello invece ci racconta proprio di chi deve aspettare il suo turno per sposare la donna desiderata. Prima sarà il turno del vecchio ricco, poi dell’arrogante, forte e geloso siciliano e infine dello squattrinato e sensibile innamorato… Beh, ci vuole pazienza, sopportazione  e una mano della provvidenza, noo,  in questo caso, fortuna non la si può proprio chiamare.   Nota curiosa: ho riletto questo romanzo durante il viaggio in Sicilia, anche ad Agrigento, la Girgenti di Pirandello. Fuori dalla casa di Caos e in attesa dell’inizio del teatro rappresentato nel piazzale della casa/museo.

 

– visita alla casa/museo   –  letture “a tema” – passeggiata di Pirandello

 

– casa di Pirandello vista dalla piazza/teatro       – il teatro all’aperto

Commedia in due atti dal titolo “Atto unico”. Recita una compagnia di attori che riprende le tematiche di Pirandello attraverso nuovi testi.”

Questo “tocco teatrale”, un po’  insolito e imprevisto,  ha giovato sicuramente alla nostra vacanza, sì, di tutti e tre!

http://image.anobii.com/anobi/image_book.php?type=3&item_id=01e0de59576cd15915&time=1199052251Le mie letture sono poi continuate con questo libro che contiene due testi teatrali:

“Tutto per bene”
Quando l’amore rende ciechi e idioti e quanto si possa essere vittime inconsapevoli della propria buona fede (La tragedia di Martino Lori).

” Come prima, meglio di prima”
Come si possano “lavare i panni in famiglia” mostrando sempre solo la parte edificante, anche a costo di sacrificarvi la vita, ma non tutti lo sanno fare con la delinquenza necessaria. (Il dramma di Fulvia viva, ma morta)

http://image.anobii.com/anobi/image_book.php?type=3&item_id=01f54bfdb5016978be&time=1234244967

Ho poi iniziato la rilettura delle novelle, ma ormai il viaggio era al termine e così il mio pirandellismo doveva lasciare un po’ di spazio ad un altro isolano, ma questa volta sardo e nostro contemporaneo: Riccardo Uccheddu con i suo 3 bellissimi libri (link ai libri di Uccheddu)

anche Pirandello li avrebbe apprezzati 😉

Link utili:

Leggere Pirandello su Liber Liber qui

Clicca QUI per continuare il viaggio in Sicilia